Lunedì 10 Dicembre 2018

Lo sviluppo nella comunicazione e promozione su internet, per assicurarsi la massima presenza in rete e sfruttare le potenzialità SEO in modo completo, presuppone un’immagine sempre più adattata ai diversi tipi di clientela e dei diversi servizi/prodotti offerti.

Molti imprenditori hanno un sito web principale affiancato da altri siti, sui quali presentano offerte e servizi per clienti diversi/distinti, con diversi contenuti. Si tratta di strategie marketing avanzate, sempre più articolate e specializzate nella promozione sul web, alla continua ricerca di targettizzazione e selezione dei lettori e potenziali clienti.

Le campagne pubblicitarie impiegano sempre più spesso concetti ed immagini diverse per ogni tipologia di clientela; qualche volta con la necessità di differenziare persino il nome di dominio promosso per aumentare la presenza in rete.
Altre volte ci sono esigenze pratiche, in cui l’azienda propone diversi settori e/o divisioni che richiedono attività, funzionalità e immagini distinte, non gestibili su uno stesso nome di dominio e sito web. Un esempio tipico è quello della gestione delle lingue dove per ogni paese e mercato si sviluppano siti separati, qualche volta con contenuti diversi.

Per questo motivo, lavorando con le piccole e medie aziende (sopratutto del settore turistico), il mio profilo di servizi base prevede fino a 5 spazi web distinti, gestibili con 5 diversi nomi di dominio. E’ la mia esperienza che ha portato a questa scelta minima; secondo me ormai una esigenza reale per qualsiasi azienda che punti al massimo della presenza in rete.
Un profilo hosting che prevede più siti (anche di diverso tipo), significa anche che il costo è suddivisibile su 5 diversi siti/aziende/divisioni, permettendo un grande risparmio rispetto l’attuale offerta hosting tradizionale su fibra ottica.