Lunedì 10 Dicembre 2018

Nel dare un valore ad un nome di dominio non si deve pensare a quello che fanno pagare alcuni domain maintainer e provider popolari. In effetti dare un valore *economico* ad un nome di dominio è difficile; sicuramente un costo influenzabile da numerose variabili.
Innanzitutto *avere* un nome di dominio non è assolutamente paragonabile al possedere tale dominio. In effetti sarebbe molto più corretto parlare di pagamento del noleggio o del diritto d'uso *momentaneo*.  Il proprietario di un determinato nome ha il diritto d'uso di questa stringa alfanumerica per un determinato tempo, di solito annuale. Tale diritto d'utilizzo va quindi rinnovato periodicamente. Diversamente se ne perde il diritto d'uso ed il nome torna alla comunità web.
Il costo è quindi composto dal pagamento di tale diritto e dalla sorveglianza che un utente deve dedicarci per poterlo usare correttamente. Infatti ogni nome di dominio è associato ad una serie di parametri che consentono alla rete di gestire le caselle elettroniche e la visibilità in rete del sito associato. Un nome di dominio ha quindi una serie di record che vanno valorizzati secondo il diverso uso e le diverse esigenze richieste dal tipo di presenza internet, obbligando conseguentemente il tecnico ad impostare e monitorare continuamente il buon funzionamento.
Oltre a questo impegno di impostazione e sorveglianza va poi considerata la presenza ed occupazione di rete che rappresenta un determinato nome. Riuscire a risalire le classifiche di ranking sui diversi motori di ricerca è cosa legata al tempo di presenza (anzianità) in internet ed ai contenuti che il sito rappresenta. Un nome di dominio è quindi più caro quanto maggiore è la sua anzianità in rete ed i contenuti del sito web ad esso associato. Per ultima cosa è importante considerare il valore del nome. Un nome corto associato ad un determinato lavoro, omonimo di un' attività o servizio, assume quindi una maggior importanza e prezzo.
L’insieme di queste variabili compone il costo di un nome di dominio. Troppo spesso ci si accorge tardi di questi dettagli abbandonando alla comunità web dei nomi di dominio anziani e ben posizionati, magari semplicemente per speculare poche decine di Euro all'anno.
Un nome di dominio anziano, ben posizionato ed attivo, magari addirittura omonimo di qualche azienda che tutt'ora fa investimenti nella comunicazione, può significare valori di visitatori importanti; e costi di diversi zero. Basti pensare anche solo alla vita promozionale passata, magari di diversi anni di presenza in rete e relativa pubblicità e comunicazione di tale nome attraverso le campagne pubblicitarie, attraverso il contatto personale, attraverso tutti i fenomeni di comunicazione di un determinato indirizzo internet.